HOME PAGE
CHI SONO
PERCHE' UN BLOG
IN CONSIGLIO COMUNALE
GRATUITA'
commercio di vicinato
NUTRIRE CESANO
CONTRO IL GIOCO D'AZZARDO
varie e curiosità
CONTATTAMI
SE VUOI DIRE LA TUA

Bilancio di previsione, buone notizie in vista

Arriva in consiglio comunale (giovedì 16)  il bilancio di previsione del triennio 2017 - 2019. In un bilancio di previsione si cercano indizi del futuro che sarà. Ebbene, i problemi non mancano ma intanto una buona notizia c'è ed è che ci sarà una importante riduzione della tassa sui rifiuti sia per le famiglie che per le utenze non domesiche. Questo si rende possibile grazie al minor costo del servizio attuale di pulizia strade e raccolta rifiuti. Un indubbio successo soprattutto se si prende atto che la qualità del servizio è nel contempo migliorata. Generalizzando si può dire che quella di ridurre costi e tariffe provando nel contempo a migliorare la qualità dei servizi è la sfida che la giunta si è data con, direi, ottimi risultati. In consiglio comunale si parlerà poi di trasporto pubblico locale (in bilancio si stanziano fondi per aumentare il numero di corse degli autobus), di sorveglianza (telecamere) di illuminazione pubblica (è il più impegnativo investimento in programma: si conta di rinnovare tutto l'impianto di illuminazione delle strade) , di manutenzione straordinaria dei parchi e altro ancora. Le necessità in città sono tante (come del resto confermato dai cittadini nelle varie fasi del percorso del bilancio partecipativo) anche perchè per diversi anni i vincoli di legge (il famoso "patto di stabilità") hanno impedito o quasi di contrarre nuovi mutui a scapito degli interventi di manutenzione straordinaria. Dal 2016 il vento è cambiato (grazie alla legge di stabilità del governo Renzi) ed ora ci sono spazi di manovra, non illimitati ma ci sono. Cose importanti sono già state fatte per scuole e strade. Ora la sfida continua e si gioca sui terreni della progettazione e della realizzazione: il 2017 sarà un anno importante. Nel bilancio di previsione c'è una proposta precisa, ovvero quella di tornare ad utilizzare lo strumento dei mutui, in modo ragionevole e sostenibile. Condivisibile.

16 febbraio 2017

***********************************


A CESANO SI VOTA!  NON SARA' FACILE SCEGLIERE ...

  ... fra i cinque progetti elaborati dai cittadini che hanno partecipato ai gruppi di co-progettazione del bilancio partecipativo, iniziativa che il nostro Comune ha in corso dal mese di ottobre. 

E' stata annunciata per GIOVEDI' 19 GENNAIO, alle ore 21, in Villa Marazzi, la serata di presentazione delle proposte a cui farà subito seguito l'apertura della fase del voto aperta a tutti i cesanesi (di età superiore ai 16 anni). 

Rimandando all'incontro di giovedì per conoscere nel  dettaglio le proposte e le modalità del voto mi sembra intanto oggi che possa essere giusto spendere una parola di apprezzamento per l'impegno che c'è stato da parte di coloro hanno partecipato agli incontri di "ascolto"  e poi di "co-progettazione" mettendoci cuore, tempo e capacità di proposta. Erano davvero tanti i bisogni e gli spunti emersi nei primi quattro incontri (cinque includendo un incontro auto-organizzato dai cittadini del Giardino) e ancora più nelle circa 300 cartoline arrivate dai ragazzi delle scuole. Comporre tutto ciò in alcune sintesi condivise e con prospettive di concreta realizzabilità è stato un risultato che non era per niente scontato.

I cinque temi progettuali che ci vengono proposti per il voto (scuola e cultura, giovani e luoghi di aggregazione, sicurezza stradale, giochi inclusivi nei parchi, rimozione di una fontana e rigenerazione di una piazza al quartiere Giardino) sono tutti importanti per la nostra città.

Però ora c'è da fare una scelta, il voto stabilirà un ordine di priorità nella realizzazione delle proposte perchè le risorse a disposizione (200 mila euro del capitolo del bilancio comunale riservato a investimenti) non bastano a finanziare tutti e cinque i progetti. Del resto il valore formativo del bilancio partecipativo è anche questo: ascoltarsi  e capire i bisogni ma nello stesso tempo fare i conti con i vincoli, sia pratici che economici, senza rinunciare a cercare soluzioni e, soprattutto, provando a farlo insieme; partire da bisogni più localizzati e sensibilità particolari per provare ad arrivare a soluzioni di utilità comune, scegliere cosa fare subito e cosa tenere nel cassetto per domani.

Dietro tutto questo c'è un'idea circa il modo migliore per essere oggi cittadini, parte attiva della propria realtà. Va anche detto che tutto ciò è in controtendenza rispetto al clima che prevale intorno a noi. Proprio per questo, secondo me, è un'opportunità da cogliere il più possibile.

15 gennaio 2017

oooo


****************************************************************

SCEGLIAMO CESANO!  IL  BILANCIO PARTECIPATIVO LABORATORIO APERTO

 tabellone_bisogni “Laboratorio” … è la parola giusta per definire il percorso del bilancio partecipativo che si sta svolgendo nella nostra città. Dopo i primi quattro incontri pubblici della fase di ascolto c’è ora tempo (qualche giorno) per chi voglia inserirsi e candidarsi per il lavoro nei laboratori di co-progettazione previsto per sabato 26 novembre; gruppi di cittadini possono, se vogliono, organizzare incontri auto-gestiti prendendo contatto con gli organizzatori del percorso    (c'è tutto nel sito:  www.bilanciopartecipativocesano.it  - sezione Documenti ).

segue in Bilancio partecipativo (a Cesano)

6 novembre 2016

*************************************************************

 bus_cesano_11_immagine Semaforo verde per il nostro Sindaco …   

… il bilancio comunale raccontato a mio figlio/ 2

Ciao pa’, martedì vieni tu a prendermi agli allenamenti?

Non so se ce la faccio perché ho il consiglio comunale.

 Ah, di cosa discutete questa volta?     

del bilancio... 

Ma non ne avevate già parlato?

L’altra volta si trattava del bilancio di previsione 2016, questa volta del consuntivo 2015.

Cosa vuol dire consuntivo?

Vuol dire che si tirano le somme della strada che è stata fatta, cioè di quanto il Comune ha speso per dare servizi ai cittadini e quanti soldi sono entrati per poter sostenere quelle spese. Queste due cose devono essere in equilibrio fra di loro e devono rispettare tutta una serie di regole. La cosa non è sempre facile. Il Sindaco è un po' come un autista che deve continuamente adattare la guida al percorso. Se le spese superassero le entrate sarebbe un po' come se il veicolo uscisse di strada!

E c'è riuscito il nostro Sindaco?

Sì, nel 2015 la macchina comunale ha tenuto bene la strada: le entrate che il comune ha accertato di poter avere sono state pari a 22,6 milioni mentre le uscite sono state pari a circa 21,5 milioni.

Quindi è avanzato poco più di un milione?

Solo in apparenza perché la legge obbliga l'autista ad essere prudente e a guardare non solo la strada ma ... anche il serbatoio! se finisce la benzina il veicolo si ferma anche se ha una buona tenuta di strada!


... segue in ...  il bilancio (2016) del mio comune


9 maggio 2016





************************************************************


Completamento del centro storico?

... come fai sbagli ... o forse no!


Mentre affluiscono sul sito comunale i voti sui cinque progetti (mentre scrivo siamo a 242 votanti), il dibattito prosegue nei bar e per le vie del centro così come sui social web dove ai numerosi contributi positivi si affianca qualche voce critica come è naturale che sia dato che l'investimento è importante in termini economici e le scelte sono destinate a lasciare un'impronta duratura.


Gli argomenti di chi critica in genere ruotano intorno all'obiezione secondo la quale  vi sarebbero altre spese più urgenti da affrontare: di solito si citano marciapiedi e strade. In altri casi si rileva come anche in questo caso il già più fortunato centro storico risulti privilegiato rispetto ai meno attrezzati quartieri. E così via. Critiche legittime ben inteso e che, anche se talvolta sembrano fatte "per partito preso", possono comunque essere utili perché danno l'occasione per verificare, approfondire, spiegare meglio. 


Può allora essere forse utile mettere a disposizione qualche numero e qualche argomento ulteriore.


Intanto va detto che il bilancio di previsione approvato pochi giorni fa dal consiglio comunale prevede ( segue in  progetto Centro storico  )


23 aprile 2016

**********************************************************************************

I due salvadanai di Simone (e Giuseppe) …    DUE_SALVADANAI

… il bilancio comunale raccontato a mio figlio

Ciao pa’, cosa stai facendo?

Sto leggendo e rileggendo queste carte, sono il bilancio di previsione del comune. Domani sera in consiglio comunale viene messo ai voti

Cosa vuol dire bilancio di previsione?

È un po’ come quando tu guardi se hai qualche soldo nel salvadanaio per vedere se puoi comprarti le figurine

Ci sono tanti soldi nel salvadanaio del comune?

Sì e no, sembrano tanti quelli che entrano ma poi escono tutti. Però in comune ce ne sono due di salvadanai, uno per le spese correnti e uno per le spese in conto capitale, non si può fare confusione fra i due altrimenti sono guai seri!

Cosa vuol dire spese correnti e spese in conto capitale?

In uno, chiamiamolo salvadanaio azzurro, i cittadini mettono i soldi delle tasse che servono poi per le spese di tutti i giorni, per dare i servizi necessari grazie al lavoro dei dipendenti del comune e dei dipendenti di tante società e cooperative che collaborano con il comune a vario titolo. Questo salvadanaio è un po’ come il tuo: ci metti le mance che ti do (quando mi ricordo di dartele) e le usi per comprare le caramelle o i giochi.

Nell’altro salvadanaio, chiamiamolo verde, vengono messi i soldi che si ricavano dalla vendita dei beni del comune o quando qualcuno paga delle tasse per poter costruire case. Questi soldi devono essere usati per fare investimenti, come ad esempio lo scorso anno quando hanno rifatto bella la tua scuola e rimesso a posto le palestre. Non si possono usare questi soldi per altro, ad esempio per pagare gli stipendi. E’ un po’ come quando tua zia dà una mancia extra a tua sorella per comprarsi libri molto costosi per l’università: si dice che sono soldi “vincolati”

Chi li tiene questi salvadanai? Simone?

Sì però le chiavi le ha date a Giuseppe che fa buona guardia!

Perché deve fare buona guardia?

Perché c’è sempre il rischio di spendere più soldi di quelli che arrivano!

Chi è che li spende?

È come a casa nostra, sono sempre le donne che spendono! … scherzo ovviamente

Chi sono le donne che spendono in comune?

Mara e Fulvia più di tutte. Paola spende poco anche se cerca di fare tante cose. Così anche Salvatore.

Quanto spendono tutti insieme in un anno?

Nel 2016 spenderanno 19 milioni di euro dal salvadanaio azzurro.

Perché Mara e Fulvia spendono?

Mara si prende cura un po’ di tutte le persone che hanno bisogno: per 

 

(segue in         il bilancio (2016) del mio comune       )




Site Map